Pelle disidratata: i consigli per evitarla

Pelle disidratata i consigli per evitarla

Pelle disidratata: i consigli per evitarla

Lo strato corneo della pelle, ovvero la parte dell’epidermide più superficiale, spesso è interessato da disidratazione. Si tratta di un fenomeno locale causato da parziale perdita di acqua, con conseguente pelle disidratata.

Strato corneo della pelle: una barriera naturale

Quando lo strato corneo della pelle è in buona salute funge da naturale barriera atta a regolare sia la perdita di acqua sia l’assorbimento cutaneo di tutte quelle sostanze che vengono applicate sulla pelle.

La produzione quotidiana di cheratina cellulare, lipidi extracellulari genera un mix di sostanze bionaturali che  riempiono gli spazi vuoti fra le cellule, saturando esternamente lo strato corneo come una vera barriera fisica.

I corneociti, ovvero le cellule che si trovano più in superficie, avendo una forma lamellare, formano un “citoscheletro” fisico, tenuto insieme dal componente lipidico.

La sintesi di tale scheletro lipidico avviene durante il processo di differenziazione dei cheratinociti, ovvero durante la trasformazione che questi subiscono nel tragitto che percorrono attraversando i vari strati dell’epidermide.

Pelle disidratata: principali funzioni dell’epidermide

Una delle principali funzioni dell’epidermide è quella di creare un confine tra l’ambiente interno e l’ambiente esterno, proteggendoci dalla disidratazione, ma anche dagli agenti patogeni esterni grazie al sistema immunitario cutaneo.

Nonostante la pelle abbia l’importante ruolo di contrastare l’eccessiva dispersione idrica nell’ambiente, una discreta quantità di acqua corporea viene quotidianamente eliminata attraverso la cute, traspirazione insensibile o perspiratio insensibilis (involontaria, inconsapevole respirazione da parte della pelle).

Ecco perché è importante riequilibrare sempre lo strato corneo, garantendo la giusta qualità e quantità di tutti gli elementi difensivi ed idratanti cutanei.

Le tre azioni strategiche per mantenere idratata la pelle

Nel periodo autunno inverno è fondamentale prendersi cura della propria pelle. Ciò è facile con tre azioni strategiche:

  1. stimolare e detossinare. La pelle infatti va liberata dalla cheratina in eccesso che sedimenta ed occlude lo strato corneo. Il peeling enzimatico REACTIVE, arricchito di acido ialuronico a basso peso molecolare che arriva rapidamente in profondità, stabilizzandosi con l’acqua più interna, ricrea i presupposti per una idratazione long lasting.
  2. Apportare grassi fisiologici per riprodurre una barriera filmogena ed elastica che non consenta la disidratazione profonda. Il siero NYDROSELF, grazie alle azioni mimetiche algali biologiche, stimolerà la pelle alla produzione di grasso di protezione sub cutaneo. Lo strato corneo sarà così elastico e resistente.
  3. Lenire lo strato epidermico più profondo. Questa azione riduce l’eccessiva reattività pro infiammatoria, abbassando la temperatura e l’acidità del Ph, equilibrandone l’NMF, cioè il Fattore Naturale di Idratazione.

Associando Nydromask e la tecnologia IR .EXPERT ad infrarossi, si avrà un completo reintegro di sostanze protettive e rigeneranti. Queste, veicolate e stimolate dagli infrarossi, daranno una risposta di benessere a lungo termine.

Importanza della diagnosi accurata

Una accurata diagnosi assicurerà la scelta dei prodotti domiciliari più utili a mantenere il risultato ottimale ottenuto con i trattamenti professionali.

Aiutare la pelle tutti i giorni nel difendersi ed equilibrarsi con gesti semplici, ma efficaci, sarà il giusto viatico per una rinnovata bellezza e un ritrovato benessere.

Ti è piaciuto l’articolo?

Visita la vetrina