Uova: il falso mito

Uova: il falso mito

Nel 1968 l’American Heart Association, sulla base di alcuni studi, dimostratisi successivamente sbagliati, diede inizio al mito dell’uovo che aumenta il colesterolo nel sangue e che deve essere assunto con grande attenzione.

E’ nato così questo falso mito che da allora, nonostante siano passati 50 anni, è ancora presente in diversi consigli nutrizionali dispensati oggi.

 

Perché aumenta il colesterolo

In base a tutti gli studi moderni, possiamo smentire conclusioni dell’epoca ed affermare che le uova non aumentano in modo significativo il colesterolo nel sangue.

Il colesterolo, importante molecola che deve essere mantenuta nel nostro sangue all’interno dei range di normalità, può aumentare in piccola parte a seguito dei cibi ingeriti, ma per la maggior parte è prodotta dall’organismo in risposta ad alcuni stimoli e disturbi precisi (stress, fumo, alcool, farmaci, problemi epatici, di reni o tiroide, menopausa), oltre che per predisposizione genetica.

 

Le uova sono un alimento salutare

Le proprietà benefiche delle uova sono veramente tante.

Intanto, le proteine presenti all’interno sono considerate tra le migliori in natura; la presenza dell’aminoacido colina ci protegge dall’ innalzamento dell’omocisteina, un importante fattore di rischio per cuore e vasi.

Le vitamine del gruppo B come l’acido folico, la B6 e la B12, la vitamina E, la A e i grassi “buoni”, contenuti nelle uova, sono ottimi alleati per la nostra salute.

Infine, la presenza di lecitina nel tuorlo, che favorisce la trasformazione del colesterolo cattivo LDL in quello buono HDL, fuga tutti i dubbi sul reale di rischio di aumento del colesterolo nel sangue.

 

Come mangiare le uova

Per avere il massimo dei benefici dal consumo di uova, queste andrebbero mangiato con l’albume cotto e il tuorlo solo parzialmente, cioè ad esempio alla coque. In questo modo, proteine, vitamine e componenti minerali vengono tutti preservati, mentre ad esempio l’avidina, presente nell’albume, viene denaturata dal calore e perde la capacità di diminuire l’assorbimento delle importanti e salutari vitamine.

 

Quante uova mangiare

Quindi uova sì, associate sempre ad una corretta, varia e sana alimentazione.

Studi condotti dall’Università di Sydney e dalla American Journal of Clinical Nutrition su persone diabetiche hanno dimostrato come le uova non siano affatto pericolose e che, in media, un uovo al giorno non risulti pericoloso per la salute, anzi!

 

Anche in questo caso, per fortuna, la scienza ha battuto i pregiudizi e i falsi miti!

Roberto Nappi

in collaborazione con il

Dott. Gian Paolo Baruzzi