Massaggio: i benefici di una pratica millenaria

Massaggio i benefici di una pratica millenaria

Massaggio: i benefici di una pratica millenaria

Fra le terapie e cure naturali più antiche il massaggio è senza dubbio l’unica con molteplici virtù terapeutiche, oltre che energizzante, stimolante e rilassante per corpo e mente.

L’arte del massaggio nella storia

Quando si definisce il massaggio una pratica terapeutica millenaria non si esagera.

Prime tracce scritte risalgono al 2500 a.C. circa, in antichi manoscritti Cinesi ed in documenti di medicina indiana datati duemila anni più tardi.

Il massaggio, sin da allora, veniva eseguito per combattere la fatica.

In epoche successive, gli Egizi lo consideravano arte sacra, in Grecia lo si praticava sui guerrieri per alleviare le fatiche di guerra ed i Romani lo praticavano nelle loro Terme per rilassarsi.

L’arte del massaggio venne abbandonata nel Medioevo perché considerata peccaminosa, per poi riaffermarsi nel Rinascimento.

Da allora in poi il massaggio ha visto una continua espansione nel Mondo evolvendosi in decine di tecniche differenti.

Categorie, tecniche di base e zone interessate

I secoli di diffusione ed evoluzione hanno permesso la codificazione di diverse tecniche di massaggio, ognuna con specifiche caratteristiche.

Le categorie di base del massaggio sono:

  • rilassante, contro stress e fatica.
  • Sportivo, che completa l’allenamento.
  • Riabilitativo, usato dopo interventi chirurgici per accelerare la guarigione.
  • Estetico, agisce sulla pelle ammorbidendola, e più in profondità drenando, favorendo la circolazione ed intervenendo anche nella riduzione della cellulite.

Le manovre di base per eseguire il massaggio sono:

  • sfioramennto,
  • frizione,
  • percussione,
  • impastamento.

Le zone del corpo che possono essere trattate con il massaggio sono:

  • collo,
  • spalle,
  • viso,
  • testa,
  • braccia,
  • mani,
  • gambe,
  • piedi.

Il massaggio operato anche in una sola delle suddette zone è in grado di irradiare beneficio in tutto il corpo.

Benefici del massaggio

Sebbene vi siano casi in cui è sconsigliato eseguire il massaggio, come durante stati febbrili, ferite non ancora rimarginate, cardiopatia, malattie infettive, gravidanza su parere contrario del proprio ginecologo, il massaggio è la terapia con più effetti benefici.

Le virtù note e certificate sono innumerevoli e si possono così riassumere:

  • Attenuazione di crampi e spasmi muscolari.
  • Coadiuvante la circolazione linfatica, eliminando le tossine e rinforzando, di conseguenza, il sistema immunitario.
  • Coadiuvante una migliore circolazione sanguigna.
  • Azione esfoliante, eliminando le cellule morte della pelle e favorendo, di conseguenza, l’assorbimento di elementi nutritivi di oli, creme e lozioni.
  • Coadiuvante il rilassamento spirituale e mentale.

I massaggi più popolari e più completi

Le tipologie di massaggio sono davvero tante.

Molti popoli ne hanno sviluppati di specifici legati alle proprie tradizioni e credo religiosi perché, come già accennato, il massaggio cura corpo e spirito.

Fra i più popolari e particolarmente efficaci annoveriamo:

  • Shiatsu: pratica giapponese di riequilibrio psico-fisico.
  • Tibetano: si esegue con l’ausilio di oli essenziali.
  • Cranio sacrale: trattamento antistress causato da postura errata o traumi.
  • Linfodrenaggio: depurativo, agisce sui vasi linfatici aiutando l’eliminazione delle tossine.
  • Coppettazione: eseguito con l’applicazione di coppette di vetro, ceramica o bambù creando l’effetto ventosa stimola la circolazione linfatica e sanguigna.
  • Mio-fasciale: è un massaggio che non agisce sui muscoli, ma sulla fascia che li riveste.
  • Stone massage: eseguito con pietre laviche, calde o fredde, agisce sui disturbi muscolari, ma anche sulla pelle con azione levigante.

I percorsi di Residenza dei Limoni

Residenza dei Limoni offre a tutti gli ospiti molteplici percorsi che abbracciano tutti e cinque i sensi, per una esperienza di assoluto relax e di riequilibrio psico-fisico, in cui il massaggio ricopre un ruolo fondamentale.

Lavinia Giganti

Ti è piaciuto l’articolo?

Visita la Vetrina