Ingredienti, gusti, materie prime a km 0: la cucina moderna è ecosostenibile

Ingredienti, gusti, materie prime a km 0 la cucina moderna è ecosostenibile

Ingredienti, gusti, materie prime a km 0: la cucina moderna è ecosostenibile

Sfruttare ciò che la natura ci offre a due passi da casa è la frontiera della nuova cucina.

Non è solo una moda la ricerca del sapore innovativo; è la necessità di sfruttare in modo sostenibile le risorse alimentari sempre più limitate.

Sulle orme della cucina antica ed ecosostenibile grazie ai Popoli Nordeuropei

Alghe, resine, muschio, radici, bacche, meduse, insetti, sono questi alcuni ingredienti del nuovo modo di mangiare.

Non sono ingredienti recenti, anzi, sono fra noi da prima del nostro arrivo sulla Terra e, in alcuni casi, sono stati i primi alimenti dell’essere umano.

Ci sono popoli che non hanno mai smesso di utilizzarli in cucina e popoli che li hanno sostituiti con alimenti coltivati o allevati.

Da qualche anno ormai ci si è resi conto che l’essere umano ha sfruttato in modo eccessivo i territori, sottoponendo i terreni ad una coltivazione così intensiva da causarne l’impoverimento; il risultato è ora eccessiva produzione di alimenti con peggiore qualità.

Lo stesso discorso vale per l’allevamento; l’eccessiva produzione ha causato un’offerta di prodotti che va ben oltre la richiesta causando un inevitabile spreco, impatto economico disastroso e disastro ambientale generale, perché l’allevamento intensivo significa consumo eccessivo di acqua e sfruttamento dei terreni.

Come evitare ciò e porre rimedio?

Rispettando la biodiversità e gli ecosistemi.

Si mangia ciò che è disponibile

La cucina del Nord Europa, fatta da popoli che per primi si sono posti il problema della salute dell’uomo strettamente connessa a quella dell’ambiente, ha virato bruscamente verso l’eco sostenibilità alimentare, senza rinunciare al piacere del cibo e anzi reinventandone i gusti.

Chi ha avuto la fortuna di degustare la cucina del Noma, a Copenaghen, comprende bene ciò di cui stiamo parlando.

Un’esperienza gastronomica all’avanguardia, innovativa per l’uso di ingredienti fino a poco tempo fa impensabili, eppure che crescono sotto il nostro naso.

La cucina del Nord Europa si guarda strettamente intorno e crea nuove pietanze con ingredienti che caratterizzano il territorio: pesce, crostacei, legumi, alghe, insetti, cereali, erbe di svariato tipo, muschio, radici.

Il risultato è una sinfonia di gusto, qualità, originalità, perché tutti questi che a noi sembrano strani ingredienti permettono di creare pietanze succulente, dal gusto unico e vario e, soprattutto, ricchissimo di sostanze nutritive.

Il risultato è un basso impatto ambientale, altissimo benessere.

Cucinantica è innovativa e tradizionale: è ecosostenibile

Tutti i prodotti che trovate nella bottega Cucinantica sono accuratamente ricercati e valutati prima di proporli in vendita.

Prodotti di qualità eccellente le cui aziende di produzione hanno fatto della bioeconomy policy il proprio statuto operativo.

Lavinia Giganti

 

Ti è piaciuto l’articolo?

Visita la Vetrina